Il trekking dei miei sogni

Grazie Aspromonte
4 Marzo 2019
Turismo esperenziale
4 Marzo 2019

Il trekking dei miei sogni

di Cosetta Bianchin

Ho un po’ di tempo e la mente ancora fresca di tanti ricordi, perciò colgo l’occasione per scriverti le mie impressioni. Ho visto su Facebook l’annuncio del percorso e ne sono rimasta subito affascinata. Dopo aver contattato Nicola che mi ha inviato tutto il programma, non ho avuto più dubbi!

Era il trekking che sognavo di fare.

Ero talmente entusiasta della cosa che, parlandone con conoscenti e amici, sono riuscita a coinvolgere in questa splendida avventura anche Cinzia Annalisa e Marilena !

Già dal primo giorno ho respirato l’aria gioviale di tutto il gruppo. Mi sono trovata subito in sintonia con tutte le persone. Persone che come me avevano voglia di immergersi dentro una natura bellissima ed incontaminata. Essere un tutt’uno con essa. Ricordo l’entusiasmo del primo giorno! Sembravamo dei bambini! Ogni piccola cosa…. un fungo…. un fiore ci entusiasmavano, tanto da preoccupare Nicola che vedeva davanti a noi tanti chilometri. Alla fine però è riuscito a metterci in riga eh eh !!

Quando, quello stesso giorno, quasi alla fine del percorso, siamo stati avvolti dalla nebbiolina e dai raggi del sole che si facevano posto tra i rami degli alberi , beh credo di aver toccato la felicità ! Mi sembrava di essere in un posto magico che mi accoglieva e mi avvolgeva. E’ stata una sensazione bellissima, mai provata prima! C’eravamo solo noi e la natura ed eravamo un tutt’uno con essa! Fantastico! Anche i giorni successivi non sono stati da meno! E’ stato un susseguirsi di paesaggi bellissimi avvolti da felci, alberi di varie specie, bellissimi ruscelli, laghetti di montagna! Mai mi sarei aspettata di trovare una Calabria così verde. 

L’ospitalità delle persone del luogo è stata squisita! Anche dove abbiamo dovuto adattarci parecchio, abbiamo capito che loro ti davano quel poco che avevano con il cuore e questo ci ha frenati dal lamentarci per non aver trovato le sistemazioni ideali.

Man mano che passavano i giorni, l’affiatamento tra noi si è fatto sempre più forte e anche piccoli screzi iniziali si sono sopiti, formando un gruppo affiatato e collaborativo. Camminare tante ore ti da anche la possibilità di rifugiarti in te stesso e nei tuoi ricordi. Ti fa assaporare una leggera malinconia che accetti con piacere perché anche lei fa parte di te e della tua vita.Io amo da sempre camminare in mezzo alla natura, mi rilassa e questo trekking è stato l’ideale per apprezzare appieno la vita.

Grazie a tutti voi.

Facebook